Carlo Toso: “Con la Pro Patria non possiamo permetterci cali di tensione”

Mestre. Ultima di andata per il Città di Mestre e la partita contro la Pro Patria San Felice potrebbe portare altri punti in cascina fondamentali per il prosieguo della stagione, considerando anche che il Corinaldo incrocia le sue fortune sportive contro la terza forza del girone il Faventia, unica formazione che ha sconfitto gli arancioneri.

Da capolista, quindi, la possibilità di dare un’altra forte scossa alla stagione. “Noi dobbiamo giocare un’azione alla volta, una partita alla volta. Non ci fa differenza dove siamo. Ogni partita ha la sua storia e noi giochiamo al massimo tutte le partite.” Commenta uno dei protagonisti del momento brillante della capolista, a più cinque sul Corinaldo, il preparatore atletico Carlo Toso, braccio destro di mister Antonio Candeo. Artefice dell’ottima condizione fisica e mentale della rosa mestrina. “Abbiamo trovato una formula comunicativa che arriva da entrambe le parti. La comunicazione cammina in due sensi, noi diamo delle indicazioni, i ragazzi le recepiscono e ci mandano una risposta in positivo e su queste lavoriamo. Per arrivare a quella forza mentale positiva e propositiva grazie alla quale è più facile allenarli, anche spingendoli oltre il limite, e facendogli accettare anche di fare sforzi in allenamento oltre il livello, per cui con una buona comunicazione e una motivazione alta la squadra è più disposta ad allenarsi e allora come risultato abbiamo un miglioramento fisico. Ma se non avessimo uno stato mentale ottimale, la squadra non andrebbe.”

E sta andando come lo dimostra una prima metà di stagione che vede il Campello primeggiare, verso un traguardo importante.

Il fatto che siamo in testa dimostra che abbiamo giocato al massimo in quelle partite e basta, e tutte le altre partite che affronteremo saranno così, senza pressione del risultato e così sarà con la Pro Patria.”

Squadra che è il secondo attacco del girone, una rete in più rispetto al Campello, entrambe alle spalle del Corinaldo. Ospiti da rispettare ma dopo l’importante successo a Maser la sicurezza dei ragazzi di Candeo sono aumentate, anche perché lo Sporting Altamarcasi è dimostrato un avversario fortissimo, forse il più forte sin qui incontrato. Una grande vittoria, la miglior partita in assoluto, come atteggiamento mentale. Mentalmente siamo stati devastanti. Abbiamo saputo dare il massimo rispetto a quello che potevamo gestire,” continua Toso che poi affronta l’ultima di andata.

Sarà una prova basata sulle nostre sicurezze che sono difendiamo bene, puliamo la palla, agiamo veloce e giochiamo per il gruppo. Questi sono i fondamenti del nostro gioco. Con l’attenzione al fatto che potremmo essere più scarichi, ma questo la squadra lo sa. Non possiamo permetterci cali di tensione. Ci sta essere appagati, ma dopo l’allenamento del lunedì che è stato rilassante, abbiamo ricominciato a correre.

Per andare al giro di boa con ancora questo vantaggio o migliore e poi giocarci tutto il girone di ritorno.

Convocati: Tiozzo, Bordignon, Biancato, Marciano, Zanardo, Vettore, Crescenzo, Forin, Marinio, D’Erme, Camilla, David Jorge. Allenatore: Candeo

Arbitri: Paolino di Siena, Cini di Perugia, crono: Baldo di Conegliano

#wearemestre

Città di Mestre SSD arl Calcio a 5 © 2016 Sito web by Prato Pubblicità