Con il Faventia la prima dolorosa sconfitta!

Sabato 16 novembre 2019. Ore 16.00 Franchetti di Mestre

CAMPELLO MOTOR’S CDMESTRE – FAVENTIA: 1-2 (p.t. 1-2)

CAMPELLO MOTOR’S CDMESTRE: Villano, Tiozzo, Bordignon, Biancato, Marciano Aalders, Stocco, Digao, Crescenzo, Marinio Aalders, Conte, D’Erme, Camilla. Allenatore: Candeo.

FAVENTIA: Carpino, Matteuzzi, Garbin, Piallini, Pozzovivo, Cuadrado, Zanoni, Santaliestra, Grelle, Caria, Hassane, Pagliai. Allenatore: Placuzzi

Arbitri: Paoloni di Ascoli Piceno, Filannino di Jesi, crono: Fantin di Padova

Reti: P.t. 2’08” Grelle, 16’35” Matteuzzi, 19’46” Marinio

Note: Ammoniti: P.t.: – 13” Carpino. S.t. -16’07” Matteuzzi, -14’20” Marinio, -12’47” Bordignon    – 7’13” Santaliestra, -1’34” Pozzovivo

Mestre. E al settimo turno il Campello Motors si riposò. Ci si conceda la citazione ma ci sono volute 24 ore per digerire la sconfitta contro il Faventia.

Perché, se non ci stava la vittoria, il risultato più giusto per quello che si è visto al Franchetti, sarebbe stato sicuramente quello del pareggio.

Non tanto per quanto successo nel primo parziale. Si è tirato poco e con poca precisione, ma soprattutto per i secondi 20’, quando, pur rischiando tanto, grande Tiozzo in più di un’occasione, gli arancioneri hanno sfiorato molte volte la rete. Tra le più clamorose il palo di Digao, la punizione di Bordignon respinta sulla linea e la chance per Camilla solo davanti al portiere avversario.

Ma nonostante la maggiore pressione offensiva nel secondo tempo, i ragazzi di Candeo hanno continuato a essere stranamente imprecisi. Nei passaggi, nei fraseggi, nelle ripartenze, tutte fasi di gioco in cui non avevano mostrato sbavature nelle precedenti uscite.

Ma già qualche sentore si era visto nella trasferta di Fano in cui però non si era pagato dazio. Ma ci sta che i ragazzi abbiano avuto bisogno di tirare il fiato. Contro poi un ottimo Faventia, Come ha ricordato mister Candeo i suoi ragazzi non sono invincibili e questa sconfitta lo ha dimostrato.

Questo gruppo però ha la capacità di metabolizzare il ko e di diventare ancora più forte. Lo mostreranno le tre prossime impegnative trasferte, a partire da Cesena.

Senza dimenticare che le assenze di Vettore, squalificato, e Zanardo, infortunato, si sono sentite quando c’è stata la necessità di far ruotare i giocatori, al termine poco lucidi quando invece ci sarebbe voluta tutta la concretezza possibile.

Comunque va bene così, andiamo avanti senza paura. E per tutti i tifosi, vi eravate forse dimenticati di quanto insidiosa possa essere le serie B? È sempre la terza serie nazionale e nasconde tranelli a ogni partita. Niente di compromesso, sia chiaro. Il primo posto è ancora lì, adesso in coabitazione, ma la strada è ancora molto lunga e noi non possiamo che continuare a gridare #wearemestre

Cronaca. Si parte con Tiozzo, Bordignon, Digao, Crescenzo, Marinio. E alla prima vera occasione al -17’52” ospiti in vantaggio. Zanoni sulla sinistra mette in mezzo per l’accorrente Grelle che batte Tiozzo. Rischia subito di raddoppiare il Faventia al -17’23” con Garbin.  Si fa vivo anche il Campello al -16’22” con Marinio, risponde Carpino. Zanoni continua a pungere sulle fasce e al       -15’55” su contropiede palla in mezzo per Garbin, il quale non ci arriva per un soffio. Al -12’15” miracolo di Tiozzo su Grelle. Ci prova al -7’35” Bordignon da fuori, Carpino respinge di piede. Non è un Campello brillante quello del primo parziale, costretto a ritmi bassi da un Faventia sornione. Il solo Marinio cerca la via della rete ma la mira non è precisa. Ci prova anche Bordignon al -4’15” sfera che per una deviazione esce di un soffio alla sinistra di Carpino. Improvviso come è arrivato il vantaggio ecco il raddoppio al -3’25”. Da un errore nella metà campo mestrina parte il contropiede di Matteuzzi che arriva sino in fondo e batte con un diagonale Tiozzo, 0-2. La seconda rete si fa sentire e la prima reazione arriva al -2’39” con il diagonale di Marinio dalla sinistra, di un soffio a lato. Poi ci prova Crescenzo al -2’03” il quale a pochi passi dalla porta viene contrastato da Hassane. È un buon momento arancionero che al -1’27” sfiora il primo gol con Marinio che serve Marciano, ma Carpino respinge con il corpo. Estremo che non può nulla a 14” dal termine quando Crescenzo trova in area Marinio, girata di potenza e 1-2. C’è ancora il tempo per il salvataggio di Tiozzo prima del fischio finale. E l’impressione è che la rete nel finale possa aprire le porte a un secondo tempo in rimonta…

Secondo tempo: Si parte con lo stesso quintetto del primo tempo. E subito al -19’21” ci prova Digao, respinge Carpino. Ma bisogna stare attenti perché al -19’13” sibila fuori il diagonale di Garbin. Cosi come al -18’58” è a lato la botta di Bordignon. Sugli scudi in questo inizio di secondo parziale Digao che al -17’47” impegna ancora Carpino Al -15’47” occasionissima CdMEstre, Bordignon su punizione supera Carpino ma trova sul secondo palo un difensore pronto a respingere. Subito dopo è il Faventia a non essere così preciso in almeno un paio di occasioni. Ancora Faventia al -15’13” con Garbin, Tiozzo respinge con Grelle a un passo che non ci arriva. Sempre gli ospiti al -14’06”. Ci prova Piallini, Tiozzo è pronto. Al -13’41” è il turno di Marciano, mette in mezzo insidioso dalla sinistra, Carpino tocca con il piede. Al -13’04” va via di potenza Marinio, ma Carpino chiude lo specchio. Al -12’42” Santaliestra direttamente su punizione, Tiozzo con i pugni. Al -10’55” contropiede di Crescenzo, palla per Camilla che perde l’attimo, poi Crescenzo ci prova, Carpino respinge. Al -9’54” Caria ruba palla a Crescenzo e s’invola, Tiozzo ha i riflessi per mettere in corner. Al -9’11” altra grossa occasione mestrina. Camilla perde l’occasione su una rimessa veloce di Bordignon, non tira da ottima posizione e viene rimontato. È un secondo tempo vivace ma la situazione non si sblocca. Al -8’51” Tiozzo esce sui piedi di Caria e al -8’31” Marciano cerca la porta dalla distanza, si allunga Carpino. Al -7’21” Grelle va via sulla destra, esce Tiozzo e chiude. E si ripete al -6’42” su Garbin sulla sinistra. Rischiano la terza rete gli emiliani al -5’39”. Matteuzzi, va al tiro dopo una bella combinazione, miracolo di Tiozzo. Al -5’15” diagonale di Digao, fuori. Il dieci ha mira migliore al -4’45”, ma un clamoroso palo a Carpino battuto, strozza l’esultanza del Franchetti! Anche al -4’18” è sfortunata la conclusione di Crescenzo che esce di un soffio. Si rifanno vivi gli ospiti al -4’06”, Tiozzo salva su Garbin di piede. Dal 3’24” Campello con il quinto di movimento, ma il Faventia si chiude bene. Ultimi sterili assalti. Al -57” paratona di Carpino su Marinio e al -19” il diagonale di Crescenzo è fuori. Resiste il vantaggio esterno e il Città di Mestre cade per la prima volta.

Città di Mestre SSD arl Calcio a 5 © 2016 Sito web by Prato Pubblicità