Di Odoardo prima blinda e poi consegna la vittoria al Città di Mestre contro lo Sporting!

SPORTING ALTAMARCA – CITTA’ DI MESTRE: 4-5

SPORTING ALTAMARCA: Milanovic, Bandiera, Cerantola, Bon, Maltauro, Kovacevic, Brusaferri, Miraglia, Boscaro, Koren, Del Mestre, Zarantonello. All.: Pagana

CITTA’ DI MESTRE: Di Odoardo, Bergamo, Chiapolin, Bordignon, Vailati, Pires, Murga, Crescenzo, Gavioli, Cianchi, Bebetinho, Mattiola. All.: Vecchiato

Arbitri: Bomboletti di Città di Castello, Romeo di Roma 2 Crono: Zorzin di Gradisca d’Isonzo.

Reti: Pt.: 13’08” Vailati, 18’45” Pires. St.: 3’01” Crescenzo, 4’23” Maltauro, 10’47” – 15’57” Cerantola, 18’45” Di Odoardo, 19’18” Bebetinho (tl), 19’48” Boscaro.

Note: Pt.: 0-2. Ammoniti: Vailati, Crescenzo, Maltauro, Boscaro, Pires, Del Mestre. Espulso al 7’54” st Vailati per doppia ammonizione.

Maser. Una vittoria di carattere, contro uno Sporting che ancora una volta si è trovato un muro di fronte. Un muro composto da Di Odoardo e dalla difesa arancionera. E se questa volta, rispetto alla serata di coppa il nostro numero uno è caduto 3 volte, ha comunque retto la pressione offensiva dei padroni di casa sino alla fine, togliendosi la soddisfazione di segnare il nuovo vantaggio ospite e meritandosi il titolo di Mvp della partita di Futsal Tv.

Che Città di Mestre!! Non possiamo che continuare a fare i complimenti ai ragazzi di mister Vecchiato, che tra parentesi, ma non troppo, perde anche Bordignon nella sfida odierna e poi Vailati, espulso, ma ha trasmesso un carattere a questa squadra che va oltre ogni limite.

Sognare è d’obbligo con questi ragazzi che stanno veramente facendo cose straordinarie. Si torna sul luogo del delitto.

Almeno dal punto di vista Sporting che ancora non ha digerito l’eliminazione dalla Coppa.

Si torna al pala Maser per l’ottava di ritorno e per confermarsi nel buon periodo di forma e di risultati. Dopo il pareggio in rimonta nel derby andare in casa della seconda in classifica è impegno arduo, volto a confermare i preziosi progressi ottenuti nelle ultime settimane. Ed è arduo anche perché lo Sporting oltre a voler confermare il suo piazzamento, vorrebbe tanto vendicare la sconfitta di Coppa.

Si parte con Di Odoardo, Vailati, Crescenzo, Pires, Bebetinho. Oltre alle assenze note di Mazzon, Ortolan e Ruzzene, prima dell’inizio dell’incontro, piove sul bagnato e Bordignon, pur in lista partenti, non sembra in condizione di poter entrare in campo.

Dopo un inizio di marca trevigiana, Pires ci prova per due volte, sulla seconda con un pallonetto intelligente che esce non di molto.

La risposta dei padroni di casa è affidata a Cerantola che ruba palla e conclude pericolosamente fuori. Nell’azione successiva Maltauro è bravo a girarsi e costringere Vailati al fallo al limite dell’area, per una pericolosa punizione, con la battuta di Cerantola e la risposta di Di Odoardo.

Che replica alla grande sempre contro Cerantola subito dopo.

Il nostro numero 1 verso la metà del primo tempo è incredibile su Del Mestre e sulla successiva respinta su Zarantonello, e ancora su Del Mestre volando sul sette.

Al 12’40” Maltauro si gira e Di Odoardo respinge di piede.

Al 13’08” improvviso il vantaggio esterno. Pires per vie centrali trova un pertugio sulla destra per Bebetinho che apre tutto a sinistra per Vailati che a porta vuota segna lo 0-1.

Al 14’30” ancora scosso lo Sporting rischia di subire lo 0-2, ma Miraglia chiude su Pires. È poi Cerantola che viene fermato da Di Odoardo.

Al 15’20” Cerantola ruba palla con un presunto fallo a Crescenzo, palla al centro per il solitario Maltauro, ma Di Odoardo è strepitoso e strappa la palla dai piedi del pivot di casa.

Ricomincia a macinare gioco lo Sporting. Ancora Crescenzo messo in difficoltà da un passaggio arretrato, perde palla su Boscaro che solo davanti a Di Odoardo non riesce a passare.

Al 18’10” Koren dalla distanza, Di Odoardo respinge con i pugni.

Al 18’35” Pires sulla sinistra trova il passaggio al centro per Bebetinho, che solo non ha la forza giusta per calciare, Miraglia salva.

Al 18’45” Del Mestre viene attaccato da Pires che gli ruba palla davanti alla porta, e batte Miraglia, 0-2.

È l’ultimo atto di un primo tempo che il Città di Mestre ha saputo capitalizzare al massimo. Predominio territoriale dei padroni di casa, un super Di Odoardo e due gol nelle poche occasioni offensive arancionere.

Botta e risposta a inizio del secondo tempo. Vailati solo davanti a Miraglia viene fermato dall’estremo di casa, sul ribaltamento di fronte Del Mestre supera Di Odoardo che però rallenta la conclusione e Crescenzo salva prima della linea.

Al 2’ Pires va via sulla sinistra e Miraglia si deve difendere come può.

Ancora Città di Mestre perfetto. Cianchi al 2’59” è bravo a difendere palla al limite e a subire il fallo di Maltauro. Punizione con Murga che serve davanti alla porta Crescenzo e super gol di tacco, 0-3 al 3’01”.

Dopo due grosse occasioni di Pires, nel momento di maggiore difficoltà dello Sporting al 4’23” Maltauro sulla destra salta di potenza Murga e conclude in diagonale, palo gol, 1-3.

Sta crescendo lo Sporting. Koren sulla sinistra mette in mezzo per Cerantola a porta vuota, ma Cianchi di posizione salva miracolosamente.

La risposta arancionera è sui piedi di Chiapolin, che però non riesce nella deviazione vincente.

Cerantola sulla destra scheggia il palo esterno con un diagonale insidioso.

Al 7’54” Boscaro costringe Vailati al fallo, seconda ammonizione e conseguente espulsione. Città di Mestre in inferiorità numerica per 2’.

Alla prima occasione in superiorità numerica Maltauro viene fermato all’ultimo da Bebetinho. Dalla parte opposta Pires da solo mette a sedere tutta la difesa avversaria, conclusione e palo clamoroso.

Di Odoardo ipnotizza ancora una volta Maltauro. Corrono i secondi e lo Sporting prova a sfruttare l’uomo di movimento in più. Del Mestre tira, leggera deviazione di Crescenzo, Di Odoardo intuisce.

Tornato in parità numerica il Città di Mestre si distrae e Del Mestre trova sul secondo palo Cerantola al 10’47”, 2-3.

Crescenzo prova una complicata deviazione sotto porta, dalla parte opposta Di Odoardo in angolo su Boscaro.

Di Odoardo si allunga sulla conclusione di Maltauro. Ma c’è anche Città di Mestre. Crescenzo lancia sulla destra Pires, diagonale che Miraglia devia d’istinto. Sulla battuta dalla rimessa, palla a Bergamo, Miraglia miracolo.

Al 14’ circa Cerantola dalla distanza, attento Di Odoardo. Pires si procura una punizione, che lui stesso batte, Miraglia respinge.

Al 15’57” dopo un contropiede fallito del Città di Mestre, Cerantola trova il varco giusto dalla distanza, 3-3.

Subito reazione degli arancioneri e Miraglia salva. Al 16’42” Di Odoardo esce tempestivamente su una ripartenza pericolosa di Del Mestre.

A 2’ scarsi dalla fine quinto di movimento dello Sporting con Cerantola. E padroni di casa subito puniti. Al 18’45” azione offensiva che viene neutralizzata e palla controllata da Di Odoardo che salva un corner e poi non ci pensa due volte e da 40 metri trova un preciso sinistro che a porta vuota si va a infilare per il nuovo vantaggio esterno, 3-4.

Ancora Di Odoardo salva su Del Mestre.

Al 19’18” il sugello della vittoria odierna. Pires si procura il sesto fallo dello Sporting. Tiro libero e dal dischetto dei 10 metri si presenta Bebetinho nella replica del tiro libero di Coppa contro Kovacevic. Ma questa volta il #10 è perfetto, 3-5.

Nel finale non basta la rete del 4-5 di Boscaro al 19’48”, il Città di Mestre espugna per la seconda volta consecutiva e il Pala Maser e si avvicina ancora di più ai play off.

Città di Mestre SSD arl Calcio a 5 © 2016 Sito web by Prato Pubblicità