Mister Antonio Candeo saluta il Città di Mestre

Mestre. Mister Antonio Candeo non sarà l’allenatore del Città di Mestre nella prossima stagione agonistica.

L’allenatore che ha praticamente condotto gli arancioneri alla loro prima storica promozione in serie A2, quando manca solo l’ufficialità ma gli undici punti di vantaggio sulla seconda potrebbero essere un’ipoteca per il salto di categoria, ha sciolto la riserva e nel fine settimana, dopo aver avvertito società, staff e rosa al completo, ha comunicato la sua decisione definitiva.

Antonio Candeo ha deciso di andare in pensione,” la dichiarazione dell’allenatore arancionero.

Sono anni e la fatica si fa sentire, si torna a casa tardi la sera e a 58 anni la fatica si fa proprio sentire. È da anni che dico che voglio smettere, ma ogni volta un percorso nuovo, la voglia di qualche stimolo in più, non ci sono mai riuscito.”

Allora perché proprio quest’anno?

Quest’anno perché posso dire smetto con il calcio a 5 con una gioia immensa. Portare il Città di Mestre in serie A dopo anni che ci stava provando, per me è un obiettivo raggiunto che mi riempie di orgoglio. Egoisticamente posso dire che voglio lasciare proprio quando mi sono tolto questa soddisfazione, smettere con questo mondo con una vittoria.

Sono arrivato in una società che mi ha chiesto un risultato immediato. Il Mestre voleva andare in A2, e io ci ho messo tutta l’esperienza che ho acquisito in questi ventisette anni da allenatore, trovando una situazione ideale e adesso posso dire di poter lasciare come allenatore, ma non lascio il Città di Mestre a cui sono molto legato e in cui rimarrò come amico e consulente.”

Adesso il Città di Mestre dovrà voltare subito pagina e appena si saprà il futuro della stagione decidere a chi affidare la squadra, alla cui guida, un’unica certezza, non ci sarà Antonio Candeo.

L’intervista completa dell’amico giornalista Alessandro Torre sul sito al seguente link

Città di Mestre SSD arl Calcio a 5 © 2016 Sito web by Prato Pubblicità